Bisogna sempre fotografare?

Ammetto che l’ispirazione per questo post me l’ha data la vicenda dei due turisti italiani (per fortuna oramai uno solo) rapiti in India dopo aver fotografato delle donne che facevano il bagno al fiume. Non voglio in nessun modo scusare i ribelli maoisti, anzi, approfitto dell’occasione per esprimere tutta la la mia solidarietà a Bosusco, i suoi familiari e tutte le persone a lui vicine.

Dal caso estremo appena citato alla foto del monumento di cui già esistono migliaia di cartoline e foto on-line; mi chiedo se la foto, in alcuni casi, non sia altro che un inutile trofeo paragonabile alle corna di cervo dei cacciatori (sono stato a Parigi, ecco la Torre Eiffel! Sono stato in Africa, guarda come sono poveri!). Voi come la pensate?

Cose grosse avvengono in Valtrebbia: arrivano le dighe sul Trebbia, ultimo fiume pulito

trebbia

Si lancia un imponente progetto per sbarrare Trebbia e affluenti. Ma per questa bella valle dell’Appennino in molti vorrebbero un altro destino.

Un brutto sogno si sta avverando. Si lanciano progetti per una pesante infrastrutturazione nelle valli del Trebbia, dell’Aveto e del Nure, in provincia di Piacenza. Tra le zone più intatte dell’Appennino Settentrionale. I fatti: due grandi sbarramenti, uno in località Losso, alta Val Trebbia, uno vicino a Ruffinati, in Val d’Aveto, principale affluente del Trebbia. A corollario, altri impianti lungo il Nure, altro importante corso d’acqua della provincia di Piacenza, e torrenti minori (precisamente Grondana, Gramizzola, Ronchignasco). Significa mettere nei tubi la maggior parte del flusso di questi corsi d’acqua, salvo un “minimo vitale” risibile. Sono interessati almeno una quarantina di chilometri di fiumi: un’opera ingente, di forte impatto. Questi tratti fluviali sono senza discussione tra i più integri dell’intero nord Italia, un miracolo che si siano conservati paesaggi quasi pre-storici nella loro originalità. Gole, meandri, curve sinuose attraverso boschi senza confini. Posti da intenditori, di escursionisti che scendono al fiume a fare il bagno, un raro bagno in acque pulite a poco più di 100 km da Milano, di canoisti che scivolano lungo le stesse acque. E poi pescatori, fotografi, appassionati di natura, di silenzi. Il valore aggiunto portato da queste anse verdi, da queste montagne dove sono tornati i rapaci, è un valore che sembra aumentare di anno in anno, come il vino buono nelle botti. Certo, ci dicono che abbiamo bisogno di energia, e quella idroelettrica è energia rinnovabile, “verde”. Si afferma che grazie alle dighe la Valtrebbia avrà una fonte d’energia pulita, locale. Ma a quale prezzo? Vorrei far presente l’altra faccia della medaglia: che la costruzione delle dighe porterà prima di tutto cemento, camion e strade; che il movimento economico legato ai lavori prenderà altre vie, essendo le società coinvolte di fuori Piacenza; che l’energia prodotta sarà comunque poca, visto il limitato dislivello a disposizione. L’invaso del Brugneto (realizzato a monte delle opere in progetto negli anni ’60) non è mai servito a regolare le portate a valle, anzi ha creato annose discussioni, questioni, imbrogli su quei pochi chilowatt che produce.
Ma per ultimo il fatto principale: una volta imbrigliati, Trebbia, Aveto e Nure diventeranno fiumi come gli altri, la zona perderà la sua caratteristica principale, la sua aura magica. E della valle che decantò anche Hemingway resterà un triste solco cementificato e banale, come tanti sotto i nostri occhi.
Oggi c’è chi vuol far qualcosa di sottrarre questi fiumi al loro destino, è nato un eterogeneo e attivo gruppo di critica contro i progetti idroelettrici, e la discussione procede sia in pubbliche assemblee sia attraverso il sito www.notube.it. E lungo il Trebbia si annuncia battaglia…

Valentina Scaglia
Milano

Contro la povertà!

Kiva - loans that change livesVisto che si avvicina il periodo natalizio e, tanto per fare un po’ di retorica, ci sentiamo tutti più buoni, abbiamo deciso di andare un attimo fuori dal seminato e segalarvi un sito che non parla di montagna, escursioni o trekking: Kiva.

Che cos’è Kiva? E’ un sito web che si impegna a diffondere il microcredito, dove chiunque può effettuare dei finanziamenti a imprenditori di paesi in via di sviluppo.

Come funziona:

  • selezionate l’attività imprenditoriale che preferite finanziare: potete scegliere quella che si trova in una parte del mondo che preferite sostenere oppure l’attività che vi sembra più affidabile o che vi è più simpatica
  • selezionate l’importo del vostro prestito per un massimo di 25 dollari (pagamento tramite carta di credito via PayPal)
  • potrete sempre controllare come procede l’attività che avete finanziato e, se volete, ricevere gli aggiornamenti direttamente sulla vostra casella di posta
  • quando l’imprenditore ha saldato il debito potete sceglire se riprendervi la somma prestata o utilizzarla per finanziare un altro progetto.

Non vi resta che visitare il sito (in inglese) per ulteriori informazioni e fare il vostro microfinanziamento!

Vi chiediamo un favore: duurante la registrazione viene chiesto di inserire l’indirizzo e-mail di chi vi ha segnalato Kiva, se inserite il nostro indirizzo (info @ trekkinglab.com) ci fate un grosso favore, noi non ci guadagniamo niente, ma è sempre un piacere sapere che siamo riusciti a convincere qualcuno.